La Sirenetta

 

IL Regno di Tritone , il dio del mare, era in festa. Tutto il popolo degli abissi marini si era radunato per assistere al grande spettacolo che il granchio Sebastian mer2.jpg (21173 byte) aveva preparato per Ariel, la Sirenetta, figlia del dio, che quel giorno compiva sedici anni. Ma , ahimè, proprio quel giorno la Sirenetta, in compagnia del suo amico Flounder, un simpatico pesciolino giallo, aveva trovato sul fondo del mare il relitto di una vecchia nave. Attratta com'era da tutto quello che apparteneva al mondo degli umani, si fermò a curiosare e quasi si dimenticò della festa. In un batter d'occhio guizzò via e si presentò a suo padre. "Scusami papà. Ma ero alla vecchia nave..." "Alla vecchia nave?!" tuono Tritone senza lasciarle il tempo di finire. "Ti ho già detto mille volte di stare lontana dalle cose degli umani! Sono esseri pericolosi e malvagi! Ariel, Sabastian and Flounder Mi hai Sentito bene questa volta?" Ma Ariel incurante delle raccomandazioni del padre si recava ogni giorno nel suo rifugio segreto dove custodiva gelosamente tutti gli oggetti che aveva trovato sul fondo del mare e che appartenevano al fantastico e irraggiungibile mondo degli umani.  Un giorno la nave del giovane principe Eric naufragò ; Ariel, incurante della tempesta, lo riportò in superficie e lo depose su una spiaggetta.d1474.gif (11223 byte) Poi, sotto gli occhi di Scuttle, un suo amico gabbiano che viveva proprio lì, intonò una struggente canzone d'amore che Eric non avrebbe mai più dimenticato. Proprio in quel momento il precettore del principe, Grimsby anche lui scampato al naufragio insieme a tutti gli altri marinai, era fortunatamente approdato dove giaceva Eric. Con un guizzo Ariel si inabissò. "Oh Grimsby!" mormorò Eric riaprendo gli occhi "L'ho vista, la fanciulla dei miei sogni: era bellissima! E la sua voce era cosi' dolce..." Frattanto, dagli abissi marini, Ursula, una vecchia perfida creatura del mare osservava attentamente ogni mossa di Ariel. Ursula odiava Tritone e la piccola Ariel per la sua bellezza ma, soprattutto, per la sua voce così dolce, che voleva possedere a tutti i costi. Intanto Ariel, ignara del pericolo, si era rifugiata in fondo al mare a pensare e a sognare del suo bellissimo Eric.mer1.jpg (20118 byte) Sebastian cercava di convincerla a rinunciare al mondo degli umani. "Vedi Ariel, tu sei una creatura del mare! Non potresti vivere sulla terraferma. Non hai le gambe per camminare. E se anche tu le avessi, è così difficile, sai stare dritti su due piedi. Si barcolla, si rulla, si cade! Sicuramente ti verrebbe il mal di mare!" Ariel però, lungi dal prestargli ascolto si limitò a guardarlo sospirando:" OH, Sebastian, quel giovane é così Bello!!" Re Tritone, intanto, non si sa come aveva scoperto che Ariel continuava a fantasticare sul mondo degli umani, fece chiamare Sebastian. urs08.jpg (15811 byte) Quando capì dal racconto del tremante granchietto che Ariel si era innamorata di Eric, un umano , andò su tutte le furie e raggiunse la Sirenetta nel suo nascondiglio mentre ancora sognava del giovane principe. L'irruzione di Tritone riportò bruscamente Ariel alla realtà. Mai aveva visto una simile collera. Tritone col suo tridente incenerì tutti gli oggetti, che Ariel aveva pazientemente raccolto! A nulla valsero le lacrime disperate della Sirenetta:"Io lo amo e voglio diventare una donna!" Ursula decise che quello era il momento giusto per agire e mandò due murene a chiamare la Sirenetta. urs21.jpg (12814 byte) "Con le mie arti magiche potrei farti tornare tra le braccia del tuo innamorato" disse Ursula "trasformerò la tua coda in due graziosi piedini. Questo incantesimo durerà tre giorni e se alla fine del terzo giorno il tuo principe non ti avrà dato un bacio del vero amore, tu sarai mia schiava per sempre! In cambio di un così gran servigio, tu dovrai però rinunciare per sempre alla tua melodiosa voce". Ariel si spaventò ma si sentiva senza via d'uscita. urs12.jpg (16754 byte) Firmò la pergamena magica, la sua splendida voce venne risucchiata nella conchiglia di Ursula che la trasformò in una bellissima fanciulla dalle gambe lunghe ed affusolate.Ariel Al colmo della felicità, Ariel si allontanò  a nuoto fino a raggiungere il castello di Eric. Il principe la riconobbe subito... era la fanciulla dei suoi sogni , ma, ahimè si accorse che era muta. Il giorno dopo Ariel fece una bella gita in carrozza col principe. Trascorse con lui ore meravigliose, e verso sera si ritrovarono in barca. Sebastian aveva chiamato a raccolta tutti gli animali del lago, e ciascuno diede il suo valido contributo per creare una romantica atmosfera di sogno.mer3.jpg (25064 byte) Ma proprio quando il principe stava per baciare Ariel. giunsero le due murene mandate da Ursula, che rovesciarono la barca e fecero cadere in acqua i due innamorati. Eric non era insensibile alla bellezza di Ariel, ma non riusciva a togliesi dalla mente quella voce melodiosa che aveva udito il giorno del naufragio. E quella stessa notte, mentre pensava con malinconia a quel canto, gli parve di riudirlo. Ma, sì, era proprio quella voce! In realtà era la perfida Ursula che con un'altra delle sue magie aveva preso le sembianze di Vanessa, una splendida giovane dai capelli neri. Non appena Eric vide Vanessa, la strinse al suo cuore convinto che fosse lei la fanciulla che lo aveva salvato dal naufragio e decise di sposarla. A quella notizia Ariel si disperò. Ma i suoi amici avevano scoperto l'inganno di Vanessa e organizzarono un piano per mandare all'aria la cerimonia. Scuttle si avventò starnazzando sulla sposa e cominciò a beccarle il viso. Nella confusione che ne seguì la conchiglia magica che Ursula teneva al collo cadde a terra e, rompendosi, sprigionò nell'aria la voce melodiosa. Avvolta in un alone di luce e come attirata da una calamita la voce si diresse verso Ariel che improvvisamente cominciò a cantare. Eric comprese che era lei la fanciulla dei suoi sogni, ma nemmeno questa volta riuscì a darle quel bacio tanto sospirato.urs15.jpg (12258 byte) Infatti, Vanessa si trasformò nella perfida Ursula e con ghigno malefico si inabissò fra le onde trascinando con sé anche Ariel, che era ritornata sirena. Nella profondità degli abissi, Ursula completò il suo malefico piano: dopo una grande lotta con Tritone, accorso in aiuto della sua adorata figliola, lo convinse a rinunciare per sempre al suo regno e a cederle la corona e il tridente. Una volta in possesso del tridente, lo trasformò in un pesciolino grigio e riemerse dalle onde per vendicarsi di Ariel ed Eric, che dopo essersi ritrovati, cercavano disperatamente di sfuggire alla sua furia implacabile. Ma ad un tratto il perfido mostro provocò un gigantesco gorgo dal quale riemerse la nave del principe che era affondata il giorno del naufragio. Senza pensarci un istante, Eric si mise al comando della vecchia nave e cominciò a pilotarla puntando dritto verso Ursula colpendola a morte. Fu così che il tridente sfuggì dal pugno della maga e si inabissò. Ariel and Eric Nella sua lenta discesa verso il fondo  andò a toccare proprio il misero pesciolino grigio che, come per miracolo, si trasformò nel potente Dio del mare. Riacquistati i poteri e avendo capito quanto Ariel amasse Eric, Tritone volse il ritrovato tridente in direzione della sua diletta figliola. Una luce dorata l'avvolse e la sua coda si trasformò in un bellissimo paio di gambe. Ariel, raggiante ringraziò il padre e poi corse veloce verso la spiaggia dove era approdato Eric dopo la terribile avventura. Dopo pochi giorni si celebrò un solenne matrimonio e tutto il popolo del mare emerse per acclamare l'indimenticabile Ariel.

Ariel and Eric

 

 

Under the sea

           

Indice delle favole

           

The Little Mermaid - Sirenetta 1

The Little Mermaid - Sirenetta 2

The Little Mermaid - Sirenetta 3

The Little Mermaid - Sirenetta 4

Flounder's Page

[Princesses - Ariel] [Disney's Midi]

Ginevra's Disney Page

           

Please note that most, if not all, of the information and pictures here are copyrighted by Disney.

immagini & clipart by:  Links